L’Happy Earth Day nasce dall’esigenza di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del rispetto per la nostra Terra e l’ambiente, attraverso l’Arte in tutte le sue declinazioni.

Le prime due edizioni associative, tenutesi in una sola serata (2014 | La vita sostenibile 2015 | Dinamiche dell’identità territoriale) nonché le due edizioni pubbliche (2016 | Voci dalla terra – Macro e Micro ecologie – 2017 | Eco ed ego – individualismo e coscienza ecologica), della durata di una settimana, hanno visto la presentazione di mostre d’arte contemporanea, live/sets, interventi d’autore,  degustazioni food&beverage e la consegna del Premio Happy Earth Days, finora consegnato agli artisti Luca Dalisi, Leandro Pisano, Nicca Iovinella, Neal Peruffo e Massimo Scamarcio.

L’edizione 2018 invece si è inaugurata ad aprile al museo Madre, ed ha visto quale ospite d’onore Michelangelo Pistoletto. Il Maestro dell’Arte Povera ha scelto gli HED 2018 per raccontare il suo libro/manifesto politico “Ominiteismo e demopraxia”, in uno speciale incontro, tenutosi nella sala delle colonne del museo di arte contemporanea.

Il festival è proseguito poi presso il TANA Terranova Arte Natura (Arpaise BN), con un programma di residenze, che ha visto protagonisti, tra luglio e settembre, gli artisti Marisa Albanese, Silvia Capiluppi, Neal Peruffo, Massimo Scamarcio ed Eugenio Giliberti.

La manifestazione si è conclusa con successo a novembre, con l’istallazione vegetale del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, realizzata mediante la piantumazione in loco di specie autoctone sannite.

Il segno-simbolo, che ha una lunghezza di 30 metri e una larghezza di 120 cm, è costituito da un sentiero percorribile e percepibile all’interno del TANA e da ben 70 alberi, di 7 specie diverse, che  sono stati piantati durante un’azione collettiva.

 

Per questo i fondatori del TANA, Marco Papa e Tiziana De Tora, hanno lanciato la campagna di adozione #UnALBEROperilTANA: artisti, operatori culturali e/o semplici appassionati, hanno adottato un albero, che è diventato parte dell’opera vegetale del Maestro dell’arte povera, partecipando alla piantumazione.

 

Siamo stanchi ma felici – raccontano Papa e De Tora in merito all’evento di installazione del Terzo Paradiso ‘vegetale’ – come le radici. È stato dolce l’entusiasmo dei bambini, che, così attenti, mettevano le mani nella terra tenendo in braccio le piante, altri bambini. Mamme e papà, amici, artisti, gente qualunque, quel giorno a dire ‘noi’ e a dirsi ‘grazie’ per esserci stati. Il T.A.NA. è stato tana per tutti, uno spazio e un solo tempo, lento, radioso, raccolto. Ecco, è stato questo il primo raccolto: la felicità di un’azione condivisa. Basta poco per renderci conto che fare è così diverso dal fare insieme. E che, quando si fa il bene, quello che resta dura”.

 

Il progetto di riforestazione artistica, inoltre, non finisce qui. Il prossimo obiettivo dei due ambasciatori è #Ilboscodei700: “70 piante, 70 persone, 70 ombre, mano nella mano, proiettate verso il futuro. E andiamo avanti! A 70 aggiungiamo uno 0: prossimo obiettivo #ilboscodei700, i soldati dell’aria! 700 alberi per 700 persone. E rinnoviamo la campagna di adozione: la formula è la stessa; un albero per il T.A.NA. Noi ci crediamo!

info alle pagine fb: TANA Terranova Arte Natura e Artstudio’93;

oppure via mail: mtstudio09@live.it

La manifestazione si avvale del Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee – museo Madre, ed è in collaborazione con Cittadellarte-Fondazione Pistoletto ONLUS.

MUSEO MADRE
Via Settembrini, 79
80139 Napoli
info@madrenapoli.it
T +39 081 197 37 254
www.madrenapoli.it

Tiziana De Tora – Marco Papa
3315323909 – 3383946920
Artstudio’93
www.artstudio93.org
fb: Artstudio’93
fb:T.A.NA. Terranova Arte Natura

@Copyright Happy Earth Days 2017 | Goodea Digital Web Agency